Christmas is coming, di nuovo

E niente, con l’inesorabilità che solo i compleanni riescono ad avere, il Natale è già alle porte. Bisogna dire che qualche avvisaglia c’era stata: i panettoni nei supermercati a settembre, gli sconti per i regali a fine ottobre, le benedizioni natalizie a novembre… Eppure, a parte pochi professionisti della materia, anche quest’anno, man mano che snoccioleremo le caselline del calendario dell’avvento, sempre più annebbiati dai postumi delle varie cenette celebrative o forse dalle luci intermittenti delle decorazioni, ci ritroveremo in quello stato confusionale che ci porta a dire, con riferimento magari ad una sorella o un amico che conosciamo da decenni “Non ho proprio idea di cosa regalargli/le!”, comprando alla fine cose a caso che sappiamo già in partenza che probabilmente non verranno mai utilizzate e contribuendo, così, a creare un mercato parallelo dei regali riciclati che neanche il narcotraffico.

Ecco, dunque, una lista – che verrà aggiornata costantemente fino alla fatidica data – con le idee per i regali tra le più carine, eco-sostenibili e socialmente meritevoli che riuscirò a scovare, per cercare di sopravvivere insieme e con soddisfazione a questo delirio collettivo che sono gli acquisti di Natale.

 

#10. Felpina Le tintine

Provo profonda invidia verso chi riceverà questo regalo. La situazione non è però risolvibile visto che io sono un pochino fuori scala rispetto alle adorabili felpe Le tintine. Per questo evidente motivo non ho potuto testarle di persona ma posso dirvi che in quasi due lustri che bazzico diverse aziende non ho mai visto un kit stampa figo come il loro. Qui fanno le cose per bene, e non potrebbe essere diversamente vista l’importanza del loro target. Una collezione di abbigliamento per neonato completamente naturale dal filato alla tintura – per cui vengono utilizzati come coloranti decotti di piante, erbe e radici tintoree – studiata e realizzata in Italia e completamente sana per la pelle dei bimbi. Non ci resta che sperare che un giorno decidano di fare anche le versioni extra-large!

   

#9. Fascia capelli – Etsy

Non sapere chi produce i vestiti che indossiamo non è di per sé un problema. Comincia ad esserlo quando anche le aziende che ce li vendono perdono le tracce della loro filiera produttiva e quindi delle condizioni in cui i nostri abiti vengono prodotti. Per regali a filiera cortissima Etsy – l’Amazon dell’artigianalità e del vintage – può essere un’ottima soluzione. Giusto per fare un esempio, ma ci sono migliaia di venditori di cose bellissime, mi sono auto-regalata una fascia turbante per capelli modellabile. Avendone già diverse estive non poteva mancare anche la versione invernale, double face in lana da una parte e tessuto argentato dall’altra. Ambra per le sue creazioni usa tessuti MaxMara e ogni fascia è praticamente un pezzo unico.

 

#8. Qualunque cosa di Lazzari

Slow fashion all’ennesima potenza più colori pastello, animaletti ovunque e un tocco vintage. Li amavo tantissimo già prima della mia svolta sostenibile, ora anche di più. Producono tutto – e davvero – in Italia con un approccio sartoriale ma comunque con uno sguardo sul mondo grazie alle collaborazioni con illustratrici di varie provenienze. Hanno quattro negozi, tutti in Veneto, ma che valgono il viaggio per chi abita nelle regioni limitrofe. Per tutti gli altri c’è un fantastico e-commerce: lazzarionline.com

Lo scorso inverno abbiamo amato le sue tigri rosa e con lei ci siamo immaginate una casa piena di piante e seggioline…

Pubblicato da Lazzari Store su Venerdì 7 dicembre 2018

 

#7. Rothy’s shoes

Sfoggiate da Meghan Markle a un certo punto del suo viaggio in Australia – sì, anche i vip scendono dai tacchi prima o poi – mi hanno conquistata per la varietà di colori disponibili. Totalmente eco-sostenibili, vengono prodotte a mano, con una tecnica che minimizza lo spreco dei materiali, in versione ballerine, a punta, loafer e sneaker. Ci credereste che sono prodotte con la plastica delle bottiglie riciclate? rothys.com

https://www.facebook.com/rothys/photos/a.1124624577562412/2336518363039688/?type=3&theater

 

#6. 24Bottles

La bottiglia che ha trasformato il mio fidanzato da piccolo Donald Trump in materia di cambiamento climatico* in ambassador della sostenibilità tramite risparmio di innumerevoli bottigliette di plastica da distributore automatico. Per vincere l’iniziale scetticismo del consorte abbiamo dovuto lavorare di design – pure qua scegliere non è semplice, la bottiglia di alluminio, leggerissima e prodotta in Italia, è disponibile in un cospicuo numero di colori e grafiche. Io alla fine mi sono decisa per la Urban Bottle Atlantic Bay ed è stato un successone. Non solo ormai è diventata un accessorio imprescindibile, ma abbiamo fatto anche proseliti tra i colleghi!

*scherzo ovviamente, eri adorabile anche prima :*

https://www.facebook.com/24Bottles/photos/a.131121913655794/1604276599673644/?type=3&theater

 

#5. Cappellini RifòLab.

Natale chiama focolare e sferruzzamenti di nonne su sedia a dondolo. In realtà pare che anche Ryan Gosling sappia lavorare a maglia, quindi l’immagine della nonna andrebbe un po’ aggiornata. Ma comunque, per chi non fosse dotato di pazienza a sufficienza o di amici/parenti/vicini in grado di confezionare graziosi regali ai ferri, ormai le alternativi si sprecano. L’abbinata capello-guanti-sciarpa è un classicone di Natale, ma la proposta di RifòLab ha qualcosa in più. I cappellini ad esempio sono 97% cashmere e 3% lana rigenerati realizzati con un tipo di lavorazione che mantiene le caratteristiche della lavorazione artigianale e uno scarto minimo. Perfetti poi se sulla vostra lista dei regali figurano un Marcello, Ugo o Vittorio, visto che i modelli si chiamano proprio così. Per saperne di più sul progetto Rifò, clicca qui

Cappello Marcello- Bordeaux

#4. Felpe WorthWearing

Belle, green, etiche. E permettono di scegliere una causa da sostenere con il loro acquisto, ad esempio per l’amico vegano scegliere grafica a tema. Cosa chiedere di più per un regalo di Natale? Che la stessa grafica sia applicabile anche su t-shirt, shopper, taccuini, tazze. Di questo progetto meritevole e innovativo ne avevo parlato più dettagliatamente qui

 

#3. Cartella vintage

Acquistare articoli vintage permette di dare nuova vita a prodotti già immessi nel circuito produttivo e di non produrne di nuovi con tutti gli impatti ambientali connessi. E cosa c’è di più vintage delle cartelle scuola degli anni ’70?

CARTELLA SCOLASTICA CON SPALLACCIart. 9col. verdePrezzo € 12,00

Pubblicato da CENTRO JONICO CANCELLERIA su Mercoledì 27 marzo 2013

#2. Shower Bombs Lush

Che ve lo dico a fare. Io sono totalmente innamorata dei prodotti Lush. Saranno i colori, i profumi, il fatto che sono senza confezione e quindi riducono nettamente il quantitativo di rifiuti che produco (e di conseguenza i viaggi ai cassonetti della raccolta differenziata nelle buie serate milanesi). Non lo so. Fatto sta, che da quando ho scoperto le nuove Shower Bombs non vedo l’ora di tornare a casa la sera per provarne una nuova. Costano meno di 3 euro, perciò sono perfette per dei pensierini ma anche abbinate ad altri prodotti, saponi creme maschere shampoo, il limite è solo la fantasia.

Ecco anche un comodo tutorial per propagare visivamente il mio entusiasmo:

 

#1. Foulard InnBamboo

Ci sarà un motivo se i panda – che dietro quell’aria così serafica in realtà sembrano nascondere estrema furbizia – a un certo punto della loro esistenza hanno deciso di cominciare a mangiare solo bambù. A quanto pare, se il processo di trasformazione è gestito bene, il bambù può salvare il mondo. Estremamente leggero e resistente – questa parte è da leggere con il sottofondo di SuperQuark – nel corso del tempo è stato utilizzato per produrre qualunque cosa, da utensili a intere abitazioni, e ora per la facilità con cui cresce e il fatto che non richieda pesticidi si candida all’Oscar della sostenibilità anche per l’abbigliamento. Il bambù evoca scenari asiatici ma viene coltivato anche in Italia, dove vengono prodotti i foulard InnBamboo. Un regalo per tutte le stagioni e tutti i gusti viste le molteplici fantasie disponibili.

Foulard Bamboo Escher

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *