5 alternative sostenibili per il costume da bagno dell’estate 2020

Se anche per te è arrivato il momento di un upgrade per l’outfit da spiaggia (magari come è successo a me, a causa di inaspettato e immotivato cedimento strutturale del costume da bagno durante la permanenza invernale nel cassetto) ecco 5 alternative più sostenibili del classico lycra per il costume da bagno dell’estate 2020.

1- Scegli un costume prodotto con fibre riciclate

Cerca modelli di costume da bagno prodotti con l’impiego di materiali riciclati. Questo è sicuramente un approccio più sostenibile rispetto all’acquisto di un prodotto di origine sconosciuta. Utilizzare materiali non vergini può ridurre l’impatto ambientale di un prodotto grazie alla minore quantità di nuove materie prime immesse nel sistema produttivo e al riutilizzo di materiali di scarto altrimenti destinati alla discarica o, peggio, dispersi nell’ambiente.

Tra i miei preferiti ci sono i modelli di Patagonia, un’azienda impegnata a 360° sulla sostenibilità, quindi non solo sull’aspetto ambientale ma anche sociale, e che recentemente ha anche ampliato il proprio catalogo beachwear. All’origine pensati per chi al mare pratica attività sportiva tipo surf e simili, i modelli Patagonia sono perfetti anche per chi in spiaggia vuole solo coniugare stile e praticità.

Nanogrip Nireta Bikini Patagonia

I costumi da bagno da donna Patagonia sono realizzati in tessuto misto di 83% nylon riciclato e 17% elastan (modelli in tinta unita) o in 83% poliestere riciclato e 17% elastan (modelli con stampa a disegno). Le cuciture sono Fair Trade Certified™. Questo significa che Patagonia riconosce un extra per ogni capo contrassegnato con questa etichetta che va a incrementare il salario dei lavoratori (dipendenti di aziende terziste, quindi non direttamente di Patagonia) che lo hanno prodotto.

2 – Cerca un’alternativa ai materiali sintetici: es. cotone organico

Anche se siamo abituati ai costumi da bagno in materiale elasticizzato, un’alternativa esiste. I materiali classici da costume sono sintetici e dunque derivati del petrolio. Orientarsi verso materiali come il cotone quindi potrebbe essere una scelta migliore sia per la pelle sia per il pianeta.

Una soluzione interessante è quella di Mane knit design. I costumi vengono realizzati in cotone organico proveniente da aziende sostenibili, che producono in modo etico ed equo-solidale rispettando l’ambiente e gli animali. Totalmente fatti a mano all’uncinetto e personalizzabili nel colore visto che sono prodotti su richiesta, questi bikini hanno un fascino hippy che ci piace un sacco e sono perfetti per l’aperitivo a bordo piscina.

3- Cerca un modello double face: 1 solo acquisto per 2 outfit!

Cambiare spesso abiti e stile è un desiderio legittimo ma che può andare in contrasto con il nostro obiettivo di sostenibilità. Scegliere un prodotto che ci offra due opportunità con un solo acquisto riduce sicuramente l’impatto ambientale della nostra scelta senza toglierci il piacere della varietà.

Il brand Repainted, ad esempio, ha proposto diversi modelli, sia bikini che intero, in versione double. I costumi da bagno Repainted ci piacciono anche perché: sono un prodotto di filiera 100% italiana, sono prodotti con l’ECONYL®, una lycra rigenerata ottenuta dal recupero di materiali di scarto raccolti in mare, come reti da pesca e boe; i pattern riprodotti sui costumi Repainted sono ispirati alle maioliche: ogni anno viene proposta una collezione diversa. La collezione 2020 ci parla dell’India. Ma nello shop ci sono alcuni pezzi delle collezioni passate, da scegliere anche in base alla propria palette colore preferita.

4- Scegli il sartoriale e il basso impatto delle produzioni in piccoli numeri

L’impatto ridotto delle produzioni in piccoli numeri e il design di un prodotto ricercato nelle fantasie e nelle forme: grazie all’expertise sartoriale italiana alcuni brand riescono a coniugare tutto questo con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Posso citare, perché ho provato personalmente i loro costumi, il brand milanese Individuals. Specialisti dell’intimo senza ferretto, hanno una collezione di costumi da bagno estremamente ampia sia in termini di fantasie che di modelli e garantiscono di vestire fino alla 5a!

5- Vesti Vintage

No, non mi riferisco ai costumi di quando avevamo 15 anni abbandonati nella casa al mare, ma ad una soluzione che può essere una vera e propria scelta di stile oltre che di responsabilità. Curiosare nei negozi di abbigliamento vintage può riservare delle sorprese anche sul versante moda mare.

Alcuni come Sous Vintage Shop, negozio milanese affacciato sul naviglio Pavese, offrono anche la possibilità di acquistare online.

https://www.instagram.com/p/B0TZacEo-a8/?utm_source=ig_web_copy_link

Se vuoi segnalare altre alternative sostenibili per il costume da bagno dell’estate 2020 scrivici!

Cover photo by Lacie Slezak on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *